fbpx

Un museo in una prigione HAREN a Bruxelles

Un museo in una prigione HAREN a Bruxelles
Museo della prigione di Bruxelles (c) Foto Copyright Adrien Tirtiaux

Aggiornato il 21 dicembre 2022 da pierre

Un museo insolito nella nuova prigione vicino a Bruxelles

Se non ne hai mai sentito parlare Haren sappiate che questa parte di Bruxelles sarà presto sede di “ Quasi-Museo“. È infatti in questa parte a nord di Bruxelles che verso il giorno nuova prigione a Bruxelles. Nel May 2023, aprirà le sue porte al pubblico con un museo

Nel comunicato stampa, l'idea principale comunicati è quella di una 'integrazione artistica aperta', creando legami e connessioni all'interno dell'istituzione carceraria ma anche con il mondo esterno”.

Per Quasi-museo si può intendere una mostra che sarà permanente. Ciò sarà attuato con naturalmente artisti ma anche istituzioni artistiche, gli abitanti di HAREN, le università” così come il personale della prigione ei detenuti.

Haren, la nuova prigione vicino a Bruxelles

Nel maggio 2023, non meno di 1190 detenuti si uniranno al villaggio penitenziario di Haren. Questi saranno distribuiti su diverse entità

  • una prigione per uomini,
  • una prigione per uomini,
  • un centro chiuso per le donne,
  • un centro aperto per le donne,
  • un centro di osservazione,
  • un centro psichiatrico e medico.

Alla fine, questa prigione dovrebbe sostituire altre prigioni più fatiscenti come Saint-Gilles, Forest o Berkendael.

Un progetto di integrazione artistica che allarga gli orizzonti

Il Quasi-museo vedrà la luce con l'apertura della nuova prigione di Haren. Lungo termine, il progetto artistico vuole essere stimolante e contiene un'iniziativa che si inserisce nella visione innovativa e moderna della carcerazione difesa dal nuovo carcere, centrata sulla dignità umana e sul reinserimento nella società.

Il quasi-museo della prigione di Haren è un esposizione permanente realizzato in collaborazione con artisti, istituzioni artistiche, università, ma anche personale carcerario, abitanti del quartiere e gli stessi detenuti. Si trova all'interno e intorno alla prigione.

L'idea chiave di questo ambizioso progetto è dunque quella di una “integrazione artistica aperta”, stabilendo connessioni sia all'interno dell'istituzione carceraria che con l'esterno. Il risultato museografico di questa vasta ricerca artistica – denominata Quasi-Musée – sarà presentato al pubblico nell'aprile 2023, con il supporto di istituzioni e partner culturali come il Kanal-Centre Pompidou (Bruxelles), il Museo Dhondt-Dhaenens (Deurle , vicino a Gand), Le Pavillon (Namur) e l'Università di Hasselt (Limburgo). Tra il 2023 e il 2026 verrà approfondita la parte interattiva di questo progetto.

Copyright ELNINO76-3 (Cartella stampa)
Copyright ELNINO76-3 (Cartella stampa)

Opere in situ, ri-residenze in un Quasi-Museo

Parte di questo progetto si basa su diverse opere d'arte permanente sviluppato all'interno della prigione di Haren. La selezione delle opere è descritta come segue, “Ciascuna delle opere dialoga con le particolarità fisiche, storiche e architettoniche del luogo, senza limiti di genere o mezzo. »

Troverai, ad esempio, muri di graffiti e un sculture cinetichema anche progetti interattivi. Sono firmate le opere già realizzate dentro e intorno al carcere

  • Adrian Tirtiaux (B),
  • Daems Van Remoortere (B),
  • Ief Spincemaille (B),
  • ElNino76 (B)
  • Bart Lodewijks (Paesi Bassi).

Arte per uno spazio (tanto) poco pubblico

La prigione di Haren è notevole sotto molti aspetti. Innanzitutto, c'è il nuovo approccio: guardie, sbarre e chiavi sono sostituite da assistenti di detenzione, vetri di sicurezza e badge. "Ma c'è anche la scala", aggiunge Anouk Focquier. “Lo stabilimento può ospitare circa 1 detenuti. È il secondo edificio più grande che lo stato abbia mai costruito in Belgio. »

La costruzione di edifici governativi è solitamente accompagnata da una commissione artistica. L'artista Ief Spincemaille, che ha già realizzato diversi progetti artistici in contesti non artistici (abbazia, carcere, quartiere residenziale, officina di biciclette) è stato incaricato di creare arte per questo luogo singolare. Nei suoi progetti precedenti, non solo ha mostrato e prodotto le proprie opere, ma ha anche creato un contesto di collaborazione – tra altri creatori, pensatori, artisti e gli abitanti di questi luoghi. Anche ad Haren non lavorerà da solo. Ha sviluppato un concetto e ha collaborato con Anouk Focquier, dell'agenzia artistica Berserk, esperta nella produzione e distribuzione di pratiche artistiche più o meno nomadi. La loro collaborazione ha portato alla selezione di un gruppo di artisti e a un progetto artistico in continua evoluzione, che daranno forma fino al 2026 dialogando con tutti gli attori coinvolti – dagli artisti alle istituzioni partner, tra cui detenuti, residenti e personale locale, servizi statali e il pubblico. Ief Spincemaille e Anouk Focquier sottolineano il fatto che lo spazio pubblico non è solo uno spazio fisico ma anche uno spazio sociale e mentale. Questa realtà assume ancora più significato nel contesto carcerario, che è dopotutto un tipo molto specifico di spazio pubblico.

Un museo nascosto

Il Quasi-Museum è anche un museo nascosto. Alcune opere e progetti in carcere sono visibili solo ai detenuti, che hanno così accesso esclusivo all'opera artistica. Alcune delle opere (come i murales di Adrien Tirtiaux) mostrano ciò che accade dall'altra parte del muro, nel mondo esterno, invisibile ai detenuti. Anche il muro esterno del carcere riceverà un trattamento artistico, ma rimarrà inaccessibile agli occhi dei detenuti. Altre opere di questo Quasi-Museo saranno prodotte ed esposte alle organizzazioni partner al di fuori del perimetro penitenziario, e sarà anche invisibile ai detenuti. Questo gioco sottile tra il "visibile" e l'"invisibile" creerà piccole crepe nel massiccio recinto della prigione che separa il mondo interiore dal mondo esterno.

« Coloro che vedono la detenzione come riparatrice piuttosto che repressiva non possono che rallegrarsi della presenza di un piccolo “esterno” nell'ambiente carcerario. conclude Ief Spincemaille. E Anouk Focquier sottolinea: “ Il mondo esterno è in definitiva il luogo in cui la maggior parte dei detenuti dovrà essere in grado di reintegrarsi dopo aver scontato la pena. »

Un museo nel carcere (c) Cartella stampa Copyright ELNINO76-1.jpg
Un museo nel carcere (c) Cartella stampa Copyright ELNINO76-1.jpg

Comunicato stampa. 

pierre

A malapena un piede nella capitale belga, Pierre lancia "InsideBrussels.be", l'idea è semplice: "Cosa fare? Dove andare a mangiare o bere qualcosa?" Imprenditore nel cuore, questo non è il suo primo progetto! Lontano da lì. Come il vino, con il tempo il progetto migliora! Pierre non esita a condividere i suoi preferiti e i migliori indirizzi di ristoranti di Bruxelles che potrebbe consigliarvi ad occhi chiusi.